Tutta questione di luce

 

 

 

Qualche tempo fa, mi sono imbattuta in un pezzo del libro di Patti Smith “Just Kids”, che recitava più o meno così:

<< John aveva accesso alle camere blindate che custodivano l’intera collezione fotografica del museo, in gran parte mai esposta al pubblico. Avere il permesso di sollevare la velina dalle fotografie, di toccarle, e farsi un’idea della carta e della mano dell’artista fece un’enorme impressione su Robert; studiò tutto con la massima attenzione – la carta, lo sviluppo, la composizione e l’intensità dei neri. “È tutta questione di luce” disse. >>

Allora pensai: “È tutta questione di luce? cioè?”
Io Robert Mapplethorpe lo avevo studiato, ma mai approfondito abbastanza l’argomento, così, incuriosita dalle parole di Patti, e con quella domanda che mi vagava in testa, provai a cercare se da qualche parte potevo trovare un posto dove esponevano i suoi lavori, di modo da ammirare di persona le sue fotografie. E fortuna volle che, proprio a Torino, alla Galleria Noero, trovai una mostra dedicata al fotografo americano.
Mossa dalla mia curiosità, andai, e mi portai dietro Fabri e Ramo, perché in fondo fa sempre bene condividere l’arte!
Per strada ripassiamo un po’ sulla sua biografia:
Nato a Los Angeles nel ‘46, alla fine degli anni ‘60 inizia con il ritrarre il mondo underground del non finito sociale, della travolgente rivoluzione musicale; sono gli anni della sua lunga relazione con Patti Smith e  della penetrante atmosfera dei locali sadomaso di Manhattan.

Ma è solamente negli anni ’80 che raggiunge la sua maturità artistica, dove il corpo diventa emblema della bellezza, ma anche un ponte per l’aldilà. Alcuni dei suoi modelli prediletti furono Lisa Lyon e Derrick Cross, rappresentazioni ideali della lussuria fine a sé stessa.

Simbolo anticonformista di una contemporaneità senza tempo, crea immagini che fanno gridare allo scandalo ma allo stesso tempo fanno venire voglia di avvicinarci e di accarezzarle. Lontane dal puro aspetto pornografico, esse vengono paragonate ai non finiti di Michelangelo, grazie a una profonda precisone formale e stilistica e un perfetto contrasto tra luce e ombra.
Muore di Aids a Boston nell’89.


Ok! Fin qui ci siamo!
Appena entrati alla Noero, veniamo travolti dall’architettura Settecentesca del posto, il dialogo perfetto tra interno ed esterno, e da Palazzo Carignano che ci guarda prepotente da fuori.
Notai che il pavimento scricchiolava, anzi scricchiolava un bel po’!
“Gio, fai piano per favore!!!”


Fabrizio ammirando una meravigliosa Lisa Lyon seduta comoda su una sedia, mi chiese ” ma dov’è il sadomaso?”
Non aveva ancora capito che di sadomaso in quel posto avremmo trovato ben poco, semmai tanta sensualità e uno studio accurato e preciso del corpo.
E fu in quel momento che capii il senso delle immagini di Mapplethorpe, il suo sottile edonismo e raffinatezza. Confesso che anche io mi aspettavo la cruda e nuda verità di “The X Portfolio”, invece mi sbagliavo!
Passeggiando per le sale trovai bellezza, curiosità, nature morte che sembrano dipinti mescolati a volti famosi, sculture classiche e quel corpo splendido di Milton Moore.


“Apperò!!!” esclamai in coro insieme a Ramo.
E mi tornò subito in mente l’esclamazione usata da Bonami in “Lo potevo fare anche io”:  “Ammappelthorpe!!!”
E sì!
Non è possibile, infatti, rimanere impassibili davanti a quella perfezione, a quei chiari scuri, al racconto timido di quella luce, che penetra nella sinuosità dei corpi e sembra proprio dirci…
“Vedi? È tutta questione di luce!!!

G.

 

 

 

 

 

La mostra Robert Mapplethorpe, in collaborazione con The Robert Mapplethorpe Foundation, rimarrà aperta al pubblico alla Galleria Franco Noero, in Piazza Carignano 2, a Torino, fino al 18 marzo.

Per info: www.franconoero. com oppure info@franconoero.com

Credits Photo: Ramona Clapan

Una risposta a “Tutta questione di luce”

  1. Ciao Giò,
    mi piace la forma narrativa e discretiva che esprime sulle opere.
    Mi viene voglia di sentire le stesse sensazione ed andare a visitare la mostra alla Galleria Noero.
    Brava!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *